Servizi

Sostegno Psicologico

Scopri di più

DSA

Scopri di più

Life e Personal Coaching

Scopri di più

I.A.A.

Scopri di più

Psicologico Online

Scopri di più

“Quando non si può cambiare la situazione, non resta che cambiare noi stessi.”

(Viktor Frankl)

Sostegno Psicologico

A CHI SI RIVOLGE E

QUAL È LA SUA FUNZIONE

Il Sostegno Psicologico consiste in un supporto alla persona finalizzato ad alleviare il disagio associato a situazioni di vita specifiche, come ad esempio periodi di forte cambiamento, stress o privazione.

Si basa sulla costruzione di una relazione empatica tra lo Psicologo e la persona in difficoltà, il cui obbiettivo è concentrarsi sul problema e sulla sua soluzione attraverso il potenziamento delle risorse inespresse (e talvolta ignorate) dell’individuo.

Il supporto psicologico, oltre che al singolo individuo, può essere rivolto anche alla coppia, alla famiglia o al gruppo.

In qualità di Psicologo, mi occupo di fornire sostegno sia in età evolutiva (compreso il sostegno alle famiglie che vivono lo sviluppo dei loro figli) che in età adulta, nonché in ambito lavorativo.

Questo servizio è disponibile anche online tramite una piattaforma di comunicazione come: Skype, Google Meet ecc…

Età dello sviluppo

Durante questa delicata fase di crescita, potremmo lavorare al fine di:

  • Migliorare le abilità sociali;
  • Migliorare l’autostima;
  • Riconoscere i bisogni e le necessità.

Nei casi in cui si presentino necessità particolari, inoltre, potremmo affrontare i bisogni legati a:

  • Disturbo da Deficit di Attenzione ed Iperattività (ADHD);
  • Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA);
  • Autismo;
  • Sindrome di Down.

Età adulta

Il sostegno psicologico rivolto alle persone in età adulta, invece, potrà essere rivolto non solo a coloro che cercano aiuto per: 

  • Gestire problemi relazionali (siano essi di coppia o genitoriali);
  • Riconoscere, gestire ed esprimere emozioni nuove o che generano disagio; 
  • Gestire stati d’ansia connessi a situazioni particolari o apparentemente immotivati;
  • Gestire la risposta allo stress e migliorare le strategie di coping;

Ma anche, per coloro i quali cercano supporto in ambito lavorativo, al fine di:  

  • Conseguire obiettivi di performance;
  • Identificare difficoltà relazionali sul lavoro e riconoscere situazioni di burnout.

“Solo guardando il mondo con occhi speciali è possibile cogliere prospettive ignote.”

Disturbi Specifici Apprendimento

VALUTAZIONE, DIAGNOSI

E TRATTAMENTO

Sempre più studi dimostrano come, ad oggi, i Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) costituiscano una problematica piuttosto diffusa nel panorama scolastico. Stando alla letteratura, infatti, circa il 12,7% della popolazione scolare del nostro paese ne risulta affetta.

Nonostante i DSA non siano patologie e non intacchino in alcun modo l’intelligenza o le capacità cognitive del bambino, è bene non sottovalutarli: le conseguenze negative di tali disturbi possono infatti riverberarsi in età adulta, influenzando in maniera considerevole le possibilità di successo all’università e nel mondo del lavoro. Risulta per tanto fondamentale iniziare a trattarli sin dall’insorgenza dei primi sintomi.

Lo Psicologo, oltre ad occuparsi della valutazione e della eventuale diagnosi dei DSA, è in grado di affiancare il bambino durante lo studio al fine di portare a termine un intervento mirato, con l’obbiettivo di fornire strumenti didattici idonei a far fronte alle sue difficoltà di apprendimento.

Attraverso il sostegno psicologico provvede inoltre a fornire supporto, lavorando sull’autostima e l’autoefficacia percepita del bambino. Infine, se richiesto, lo Psicologo potrà affiancare il corpo docenti nella stesura del Piano Didattico Personalizzato (PDP), indicando le misure dispensative e gli strumenti compensativi da adottare.

Intervento Mirato

Questo servizio è rivolto ai bambini che presentano sospetta diagnosi di DSA o ai quali è stato già diagnosticato uno o più dei seguenti disturbi:
  • Dislessia: condizione derivante da un deficit nella comprensione fonologica del linguaggio, caratterizzata da difficoltà nella lettura, la quale risulta inaccurata e poco fluente.
  • Disgrafia: disturbo dell’abilità grafo-motoria che influenza la capacità di scrittura, il quale porta il bambino a scrivere in modo disordinato e poco leggibile.
  • Disortografia: disturbo che influenza la scrittura, caratterizzato dalla difficoltà nel tradurre correttamente i suoni che compongono le parole in simboli grafici seguendo correttamente le norme ortografiche.
  • Discalculia: condizione caratterizzata da difficoltà nella comprensione dei numeri e nella loro manipolazione.
Obbiettivo dell’intervento è quello di fornire strumenti didattici modellati sulle capacità di apprendimento del singolo, allo scopo di sviluppare efficaci strategie compensative.

“Il modo migliore per tracciare un percorso è l’essere consapevoli della meta da raggiungere.”

Life e Personal Coaching

DOVE MI TROVO, DOVE VOGLIO TROVARMI DOMANI E COME POSSO ARRIVARCI?

L’attività di coaching accelera la crescita dell’individuo consentendo ad ognuno di focalizzare in maniera più efficace e consapevole gli obiettivi da raggiungere e le conseguenti scelte da porre in atto.

Il coaching può essere per tanto definito come una partnership che, attraverso un processo creativo, stimola la riflessione, massimizzando il potenziale personale e professionale.

Ognuno di noi dispone infatti delle risorse e della creatività necessarie al raggiungimento dei propri obiettivi, anche se spesso, purtroppo, non ne è consapevole o non sa come servirsene. 

Per questo, grazie all’interazione con il Coach, è possibile apprendere ed elaborare le tecniche e le strategie di azione necessarie al raggiungimento dei propri obiettivi, al miglioramento delle proprie performance e, di conseguenza, della qualità di vita. Il coaching facilita la sperimentazione di nuove prospettive ed opportunità personali, l’accrescimento nelle capacità di pensiero e decisionale. È inoltre volto al miglioramento nell’efficienza interpersonale ed a una maggiore fiducia nell’esprimere i ruoli scelti nella vita e nel lavoro.

Questo servizio è disponibile anche online tramite una piattaforma di comunicazione come: Skype, Google Meet ecc…

Percorso di Coaching

Il percorso di coaching è rivolto a singole persone o ad un team che voglia raggiungere un più elevato livello di apprendimento, soddisfazione o performance. Le ragioni per le quali una persona o un gruppo possono scegliere di lavorare con un Coach sono le seguenti:

  • La presenza di un obbiettivo protratto, una sfida o una grossa opportunità che sia urgente, importante, appassionante o tutte e tre le cose insieme;
  • La difficoltà ad individuare ed identificare le proprie potenzialità al fine di sfruttarle al meglio;
  • La mancanza di una chiara visione d’insieme in merito ad una scelta difficile;
  • La sussistenza del desiderio di ottenere risultati più rapidamente;
  • Il bisogno di effettuare un cambio di direzione in ambito lavorativo o personale;
  • La voglia di ripristinare l’equilibrio tra la vita privata e quella professionale;
  • Il bisogno di sapersi organizzare al meglio nella gestione di sé stessi e dei propri bisogni ed interessi.

Nel coaching si osserva “dove si trova l’individuo oggi”, quale sia la sua attuale situazione di partenza, e si definisce, di comune accordo, ciò che egli è disposto a fare per raggiungere “la meta in cui vorrebbe trovarsi domani”, definendo accuratamente gli indicatori di risultato.

“Vai dalle persone per le opinioni, dai cavalli per le risposte.”

I.A.A.

INTERVENTI ASSISTITI CON GLI ANIMALI E DISCIPLINE EQUESTRI INTEGRATE

Ad oggi l’utilizzo del cavallo come co-terapeuta è scientificamente riconosciuto in virtù delle molteplici applicazioni a differenti contesti, volte al miglioramento del benessere psichico o fisico (o entrambi) dell’individuo. 

Oltre alla comprovata efficacia della riabilitazione equestre (rientrante nell’ambito della Pet Terapy) per quanto attiene al rafforzamento ed al miglioramento delle funzionalità motorie nei soggetti con disabilità, il cavallo si presta in maniera eccellente anche in materia di terapia a carattere psicologico.

Gli interventi sono prevalentemente rivolti a minori disabili e normodotati di età compresa tra gli otto ed i diciassette anni, i quali presentano difficoltà nello sviluppo delle competenze relazionali. Dette difficoltà possono declinarsi a seguito di compromissioni a carattere neurologico, genetico, sensoriale, culturale o familiare.

La forza dell’intervento risulta insita proprio nella capacità dell’animale di entrare in relazione con l’altro, attivando un canale emozionale attraverso il quale è possibile lavorare, grazie alla mediazione degli operatori, sulle criticità, partendo dai punti di forza, oltre a stimolare e sviluppare nuove capacità. 

Trattamento dei disturbi neuromotori

Prevede l’utilizzo del cavallo in qualità di ausilio e “macchina motoria”. L’andatura dell’animale, attraverso il suo movimento ritmico, favorisce adattamenti e riadattamenti posturali del corpo dimostrandosi di grande efficacia nel trattamento di deficit motori. A seconda delle esigenze specifiche dell’utente è possibile salire a cavallo da soli o con un accompagnatore (maternage), variando la bardatura e le andature al fine di migliorare il controllo posturale, l’equilibrio o il tono muscolare.

Empatia e gestione delle emozioni

Caldo, morbido e capace di generare ammirazione e rispetto anche solo grazie alla propria mole, il cavallo è in grado di relazionarsi con l’utente garantendo sicurezza emotiva. È per tanto possibile lavorare su concetti quali il rispetto degli spazi personali all’interno dei confini della relazione, la gestione e l’espressione dell’emotività. L’incapacità del cavallo di verbalizzare le proprie necessità porta inoltre al potenziamento delle capacità empatiche in chi interagisce con lui.

Autostima

Azioni quali la pulizia (grooming) e l’assicurarsi che il proprio compagno non abbia sete, ad esempio, costituiscono oneri appannaggio dell’utente, atti a sviluppare il suo senso di responsabilità. Ciò aiuta a migliorare l’autostima (e conseguentemente l’autoefficacia percepita), oltre che ad imparare a riconoscere i propri bisogni in quelli dell’altro.

“Non si è mai lontani abbastanza per trovarsi.”

(Alessandro Baricco)

Psicologo Online

LA DISTANZA NON È UN LIMITE

In questo momento storico tanto delicato diviene più che mai importante il supporto psicologico, al fine di gestire la moltitudine di problematiche derivanti all’emergenza COVID-19. L’isolamento sociale, l’essere lontani dai propri affetti, l’instabilità lavorativa e la conseguente precarietà economica nonché la necessità di reinventarsi e, talvolta, di ripartire da zero, tendono inevitabilmente ad incidere sulla stabilità emotiva dei singoli. 

Fortunatamente, grazie alla disponibilità di mezzi di comunicazione tecnologici accessibili a chiunque disponga di una connessione internet (o anche del solo telefono cellulare), è possibile usufruire della prestazione psicologica o del coaching comodamente anche da casa. Nessuno studio può infatti costituire una location più accogliente, comoda ed in grado di mettere a proprio agio quanto casa propria.

Qualora vi sia la necessità, sarà infatti possibile effettuare e gestire gli incontri tramite Skype (o tramite Google Meet o Zoom nel caso di coppie o famiglie) in video-chiamata. Va inoltre sottolineato come ad oggi i dati ottenuti tramite molteplici studi scientifici dimostrino l’efficacia delle consulenze psicologiche on-line al pari di quelle tenute dal vivo. A garanzia di tale affermazione aggiungo inoltre la mia personale esperienza, specialmente in riferimento al presente anno.

Infine, onde comprendere se la modalità online possa o meno dimostrarsi idonea per chi sia alla ricerca di sostegno psicologico, offro la possibilità di fissare un appuntamento della durata di venti minuti a titolo gratuito. Sarà possibile in tal modo conoscersi reciprocamente, sperimentando direttamente i miei servizi online.